Crisi economica: in Campania chiudono novemila attività






 




Napoli – Sono dati allarmanti quelli diffusi dagli analisti dell’associazione guidata da Mariano Bella. In Campania, soltanto nel 2016 hanno chiuso novemila e quattrocentoventuno attività. È la Campania ad essere ancora una volta la prima vittima della crisi economica che da diversi anni attanaglia l’Italia.

Tassazione elevata, difficoltà nelle assunzioni e commercio in decadenza sono le principali cause della chiusura delle aziende nel territorio campano.

Come riportato da Ansa, proprio partendo dal dato sulla mortalità aziendale, sulla differenza tra nuove e vecchie imprese, tra gennaio e settembre del 2016 il saldo è stato negativo soprattutto nei comparti della Old economy, quelle più consolidati e in grado di assorbire il maggior numero di personale: i servizi di mercato vedono, per esempio, un calo di 3.222 unità, alloggi e ristorazione di 1.461, l’industria di 1.284, l’agricoltura 739, le attività professionali di 543 unità.

In crescita risultano soltanto le imprese del noleggio e le agenzie di viaggio.

(Foto dal web)


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login