sabato, 13 Luglio 2024

DISASTRO CAPO FRASCA, PARADISO TRASFORMATO IN UNA MEGA DISCARICA DI AMIANTO

AMIANTOSardegna – Disastro a Capo Frasca, “un luogo meraviglioso, un sito protetto trasformato in una discarica di rifiuti pericolosi interrati” parte così l’esposto alla Procura di Cagliari che denuncia come la Sardegna sia stata trasformata in una discarica di Stato.  

Attore di questa denuncia è il deputato sardo di Unidos Mauro Pili, e chiede  ai Ministri, Ambiente Gian Luca Galletti, della Difesa Roberta Pinotti e dei Beni culturali, Dario Franceschini di rispondere alla giustizia: “Trasformare Capo Frasca in una mega discarica di rifiuti inquinanti, pericolosi e mortali è un reato che va perseguito in tutta la linea di comando che ha messo in atto questo vero e proprio disastro ambientale. A questo si aggiunge la devastazione di un sito archeologico cancellato a colpi di ruspa. La magistratura deve intervenire su questo misfatto di stato e la regione deve costituirsi parte civile. I commenti superficiali di qualche esponente delle istituzioni è un grave tentativo di omettere quanto è avvenuto. Si tenta come al solito di far calare un velo pietoso e di silenzio con il solito obiettivo di proteggere amici e amichetti”.  Per questo motivo il giorno 29 giugno 2016 l’On Pili ha inoltrato alla Procura di Cagliari un articolato esposto denuncia dove si chiede l’immediato intervento dei magistrati per evitare che si continui ad occultare e nascondere questi gravi reati.

AMIANTO IN QUANTITÀ CICLOPICHE OCCULTATO

CAPO-FRASCALa presenza dichiarata di amianto in quantità ciclopiche – spiega Pili –  si parla di 10.000 tonnellate di materiale inquinato, è un fatto di una rilevanza inaudita che merita un’attenzione e una severità senza precedenti. Tutto questo sarebbe rimasto nascosto e occultato se non avessi divulgato le immagini inquietanti che testimoniano il disastro compiuto sia sul piano ambientale che archeologico. E a questo si aggiunge che le piramidi costruite a monte dello sbancamento avevano tutte le caratteristiche tese a nascondere la verità sui fatti. E in questo caso sarà eloquente la documentazione fotografica che ho trasmesso alla Procura tesa a dimostrare come si stava occultando il tutto con indicazioni fuorvianti se non false dei contenuti di quelle mega discariche”.

PILI HA PRESENTATO ANCHE UN’ARTICOLATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE 

L’onorevole Pili sullo stesso caso ha presentato un’articolata interrogazione parlamentare al ministro dell’Ambiente, della Difesa e dei Beni culturali. “La gravità della distruzione in atto costituisce presupposto per richiedere il sequestro preventivo dell’area oggetto del disastro, l’accertamento del danno, l’individuazione dei responsabili e il risarcimento del danno materiale, economico e morale compreso il ripristino dei luoghi” – ha scritto Pili.

Si tratterrebbe di veri e propri reati penali, Pili cita  articoli del codice penale:

l’art. 733-bis c.p. (Distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto): “Chiunque, fuori dai casi consentiti, distrugge un habitat all’interno di un sito protetto o comunque lo deteriora compromettendone lo stato di conservazione, è punito con l’arresto fino a diciotto mesi e con l’ammenda non inferiore a 3.000 euro”

 l’art. 733 c.p. (Danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale) : “Chiunque distrugge, deteriora o comunque danneggia un monumento o un’altra cosa propria di cui gli sia noto il rilevante pregio, è punito, se dal fatto deriva un nocumento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale, con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda non inferiore a euro 2.065. Può essere ordinata la confisca della cosa deteriorata o comunque danneggiata”.

l’art. 734 c.p. (Distruzione o deturpamento di bellezze naturali): “Chiunque, mediante costruzioni, demolizioni, o in qualsiasi altro modo, distrugge o altera le bellezze naturali dei luoghi soggetti alla speciale protezione dell’autorità, è punito con l’ammenda da euro 1.032 a euro 6.197”

 

NESSUNO RIMANGA IMPUNITO. CAPO FRASCA E’  HABITAT ALL’INTERNO DI UN SITO PROTETTO

AMIANTOCapo Frasca è a tutti gli effetti ‘habitat all’interno di un sito protetto‘ , ovvero pienamente coincidente nella fattispecie definita dall’art.733-bis c.p. Per questo motivo nessuno deve restare impunito. A questoaggiunge Pilideve seguire l’obbligazione risarcitoria a carico di chiunque realizzando un fatto illecito, o omettendo attività o comportamenti doverosi, con violazione di legge, di regolamento, o di provvedimento amministrativo, con negligenza, imperizia, imprudenza o violazione di norme tecniche, arrechi danno all’ambiente, alterandolo, deteriorandolo o distruggendolo in tutto o in parte“.

L’ONOREVOLE PILI VUOLE I RESPONSABILI E LA CATENA DI COMANDO DELL’OCCULTAMENTO

Il deputato Pili non si fermerà e chiede cheI Ministeri competenti per la tutela del Sito di Importanza comunitaria devono individuare tutte le responsabilità e conseguentemente adottare tutte le iniziative in sede di autotutela e di risarcimento dei danni causati. A questo si aggiunge che devono essere individuati tutti i responsabili e la catena di comando che hanno disposto l’occultamento, interrandoli, di tali agenti inquinanti e letali per la salute umana. Nessuno – ha concluso Pili – deve restare impunito. La Sardegna non può essere trasformata in una discarica a servizio di uno Stato vigliacco che protegge l’ambiente della Sardegna nascondendo sottoterra rifiuti pericoli e mortali”.

Il deputato Mauro Pili conclude con amarezza: “Non chiedetemi perché ho denunciato il disastro di Capo Frasca. Domandatevi perché non lo hanno fatto altri”.

di Cinzia Marchegiani

 

Hot this week

Il caso “Villa di Cesare e Massenzio” in audizione in Regione Lazio: “I terreni privati questione da risolvere”

In Regione Lazio in audizione Alessandra Sabelli, sindaca del Comune di San Cesareo; Emanuela Fondi, Consigliera Comunale di San Cesareo con delega alla cultura

Oxford: “Scimpanzé selvatici si automedicano cercando piante specifiche terapeutiche”

L'Università di Oxford mostra come gli scimpanzé usano piante con proprietà medicinali per curare maòattie e ferite. I ricercatori sottolineano che le piante medicinali che crescono nella riserva Forestale Centrale di Budongo potrebbero favorire lo sviluppo di nuovi farmaci preziosi.

NEVE (SWE), ARPA Lombardia: “Stagione 2023-2024 notevolmente superiore alla media”

L'inverno 2024 è stata un’ottima stagione, caratterizzata da numerosi eventi che soprattutto in primavera hanno incrementato l’innevamento su tutti i settori alpini e prealpini lombardi.

Melatonina. Ricerca italiana trova la dose efficace contro l’insonnia

Melatonina, ricerca trova la dose efficace contro l'insonnia: "Quattro mg al giorno tre ore prima di coricarsi"

WikiLeaks: “Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza”

Concessa la libertà a Julian Assange. Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno 2024 dopo avervi trascorso 1901 giorni

Topics

Il caso “Villa di Cesare e Massenzio” in audizione in Regione Lazio: “I terreni privati questione da risolvere”

In Regione Lazio in audizione Alessandra Sabelli, sindaca del Comune di San Cesareo; Emanuela Fondi, Consigliera Comunale di San Cesareo con delega alla cultura

Oxford: “Scimpanzé selvatici si automedicano cercando piante specifiche terapeutiche”

L'Università di Oxford mostra come gli scimpanzé usano piante con proprietà medicinali per curare maòattie e ferite. I ricercatori sottolineano che le piante medicinali che crescono nella riserva Forestale Centrale di Budongo potrebbero favorire lo sviluppo di nuovi farmaci preziosi.

NEVE (SWE), ARPA Lombardia: “Stagione 2023-2024 notevolmente superiore alla media”

L'inverno 2024 è stata un’ottima stagione, caratterizzata da numerosi eventi che soprattutto in primavera hanno incrementato l’innevamento su tutti i settori alpini e prealpini lombardi.

Melatonina. Ricerca italiana trova la dose efficace contro l’insonnia

Melatonina, ricerca trova la dose efficace contro l'insonnia: "Quattro mg al giorno tre ore prima di coricarsi"

WikiLeaks: “Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza”

Concessa la libertà a Julian Assange. Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno 2024 dopo avervi trascorso 1901 giorni

Polizia di Stato: “All’Olimpico nella notte un boato. Era Tamberi che volava a 2.37 metri”

La Polizia di Stato esulta: "C’è tutto Tamberi nella medaglia d’oro all'Olimpico, facendo registrare il record dei campionati e la migliore prestazione mondiale del 2024"

Puglia, obbligo vaccinazione HPV a studenti, il Garante Privacy: “Aperta istruttoria”

Il Consiglio Regionale Puglia subordina le iscrizioni a scuola fino alla università (25 anni) alla vaccinazione anti Papilloma virus. Possibile rifiutarsi, ma viene realizzata una schedatura dei dinieghi

Bambini nati da riproduzione medicalmente assistita. Non escluso un leggero aumento del rischio di leucemia

Lo studio ha riguardato 8.526.306 bambini nati in Francia tra il 2010 e il 2021, di cui 260.236 (3%) concepiti dal MAR, e li ha seguiti fino a un'età media di 6,7 anni
spot_img

Related Articles

Popular Categories

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina