Minori scomparsi. Dati agghiaccianti di Telefono Azzurro: “Uccisi, usati per lo sfruttamento sessuale o del lavoro”






 

 

 

di Cinzia Marchegiani

Roma. In occasione della Giornata Internazionale per i Bambini ScomparsiTelefono Azzurro ha organizzato la conferenza “Non lasciamoli scomparire” nella mattinata odierna presso Palazzo Ferrajoli a Roma, per accendere l’attenzione delle Istituzioni Pubbliche e della Società sul tema dei minori scomparsi in Europa. Il 2017 è stato uno degli anni più drammatici dall’attivazione del servizio 116.000.

 

Il 64,5% delle segnalazioni riguardano la scomparsa di minori stranieri non accompagnati, giunti in Italia per sfuggire a povertà, guerra e situazioni d’emergenza. 
La fuga da casa, ovvero i casi di minori e adolescenti fuggiti da contesti familiari caratterizzati da abuso e violenza, ha un’incidenza del 12,4% e rappresenta la seconda causa di sparizione.

 

DATI EMERSI DA TELEFONO AZZURRO. UN’EMERGENZA PAUROSA 




Nel 2017 solo il 16,9% dei 177 casi gestiti da SOS Telefono Azzurro Onlus si è risolto positivamente, ciò significa che circa 147 minori nell’ultimo anno sono stati uccisi o coinvolti nei circuiti di sfruttamento sessuale e di lavoro minorile, senza considerare quelli per i quali non è stata fatta nessuna segnalazione.

Questi sono i dati diffusi nella Giornata Internazionale per i Bambini Scomparsi da Telefono Azzurro, che dal 25 maggio 2009 gestisce in collaborazione con il Ministero dell’Interno e le Forze dell’Ordine il numero unico europeo 116000, attivo 24 su 24. Un servizio attraverso il quale l’associazione si è occupata, nell’ultimo decennio, di 1125 casi di bambini spariti perché fuggiti  di casa o da un istituto, o perché rapiti o sottratti da un genitore, insieme ai numerosi minori stranieri accompagnati  provenienti dai Paesi extra europei. 

Nel corso del convegno,  presentati i dati relativi alla linea di ascolto 116-000 dedicata ai minori scomparsi, e il progetto europeo “Amina”, finanziato dalla H&M Foundation, guidato da Missing Children Europe e coordinato in Italia da Telefono Azzurro.
Ogni anno si perdono le tracce di migliaia di bambini e adolescenti stranieri non accompagnati a poche ore dal loro arrivo in Europa. Di questi, solo una minima parte viene ritrovata, mentre la maggior parte finisce nei circuiti dello sfruttamento sessuale e del lavoro minorile. 
L’evento articolato in due momenti:
• Presentazione dei dati del numero unico europeo 116.000, relativo al fenomeno della scomparsa dei minori in Italia e in Europa, con particolare attenzione ai minori stranieri non accompagnati
• Janice Richardson, senior advisor per Telefono Azzurro e esperta presso il Consiglio Europeo, condurrà la tavola rotonda alla quale siederanno le organizzazioni invitate per un confronto attivo su obiettivi e azioni previste dal Programma Amina, progetto internazionale coordinato da Missing Children Europe. Durate la tavola rotonda sarà presentata ufficialmente anche l’app MINIILA

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


FOCUS. 116000 NUMERO TELEFONICO UNICO EUROPEO GESTITO DA TELEFONO AZZURRO

Il 116000 è un numero unico europeo affidato in Italia al Ministero dell’Interno e gestito dal Telefono Azzurro, dedicato a chiunque voglia segnalare una situazione di scomparsa di un bambino o adolescente italiano o straniero.

L’aiuto per ogni bambino scomparso è in un numero: 116000

Ogni giorno centinaia di bambini scompaiono in Europa e nel mondo. Sebbene la maggior parte dei bambini venga ritrovata nelle prime 24 ore, molti riescono a tornare alle loro case e alle loro vite dopo molto tempo, mentre altri non verranno mai più ritrovati. Dal 25 maggio 2009 genitori e cittadini potranno aiutare i bambini a ritrovare la strada verso casa: componendo il numero 116000 in Italia così come in altri 27 Stati Membri dell’UE, è possibile, infatti, segnalare la scomparsa di un bambino o fornire informazioni utili al suo ritrovamento.

Nuovo servizio di orientamento legale

Grazie ad una Convenzione stipulata con l’Ordine degli Avvocati di Milano a partire dal 20 novembre è attivo il nuovo servizio – gratuito – di orientamento legale, al quale si può accedere inviando una mail a: orientamentolegale.116000@azzurro.it
Attraverso il servizio di orientamento un team di legali specializzati fornirà una risposta via e-mail, entro 5 giorni lavorativi, ai soli quesiti relativi a situazioni in cui siano coinvolti bambini e ragazzi minorenni.
Il servizio sarà esclusivamente di orientamento, pertanto non sarà possibile conferire alcun mandato, né gli avvocati potranno fornire assistenza legale o dare riferimenti di colleghi ai quali rivolgersi.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login