Roma, il caso Leonardo Riccio. Il 46enne è stato trovato a Termini dai Carabinieri in stato confusionale





 

 

 

di Cinzia Marchegiani

Roma – Il caso Leonardo Ricci ha un lieto fine. Il 46enne è stato trovato oggi nella zona Termini. A contattare sua sorella Michela sono stati gli stessi Carabinieri che lo hanno rintracciato, ma lei era già a Roma perché insieme a molti amici stava perlustrando questa zona di Termini dove per l’ultima volta il suo cellulare aveva dato segnali di vita.

Il contatto telefonico avuto con un senzatetto che aveva risposto al cellulare di suo fratello proprio ieri aveva spinto sua sorella Michela a cercare insistentemente nella zona della stazione Termini. Michela era preoccupata che suo fratello in  stato confusionale, e per di più senza il suo cellulare con tutti i numeri telefonici, avesse bisogno di aiuto. Di certo non poteva essere un allontanamento volontario.

LA SCOMPARSA: Ricordiamo che Leonardo Riccio, 46 anni lo scorso martedì 5 dicembre stava eseguendo dei lavori di manutenzione presso un ristorante all’altezza di Piazza Santa Maria Ausiliatrice a Roma, zona Tuscolana. Intorno alle ore 13:00 era uscito dal locale e non era più tornato.




Moltissime persone hanno partecipato alla ricerca, chi postando la segnalazione, chi andando a Roma e mostrando ai viandanti la foto segnaletica di Leonardo.

Michela ci tiene a ringraziare tutti. Dalla redazione di “Chi l’ha Visto?” ai Carabinieri e ai tanti amici che hanno dato attenzione al suo caso. In questo momento Leonardo è in macchina con sua sorella che al telefono ci spiega quanto suo fratello sia bisognoso di attenzioni e di cure in questa situazione di grande fragilità.

Siamo felici per Michela e auguriamo a questa famiglia ritrovata di poter superare le difficoltà presentate. Un augurio di cuore Michela e ben ritrovato Leonardo.

 

Roma. Leonardo Riccio, 46enne scomparso zona Tuscolana. La sorella: “Al suo cellulare ha risposto un senzatetto di Termini”

 

Potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace.

 


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login