CNSAS avverte: “Temporali nei prossimi giorni, attenti ai fulmini”





 

di Cinzia Marchegiani
E’ stata lanciata l’allerta meteo da parte del Dipartimento della Protezione civile per oggi 3 agosto 2018.
ALLERTA ARANCIONE BASILICATA e ALLERTA GIALLA, LAZIO, MOLISE, CAMPANIA, PUGLIA, CALABRIA
“Sulla base dei fenomeni previsti e in atto, è stata valutata per la giornata di venerdì 3 agosto, allerta arancione gran parte della Basilicata, mentre l’allerta gialla sarà su Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e le restanti aree della Basilicata. Permane inoltre, in Veneto, l’allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato nel Comune di Perarolo di Cadore, a causa della frana della Busa del Cristo, sulla quale è in corso un continuo e attento monitoraggio”.
L’allerta nel dettaglio avvisa: “L’avviso prevede dalla tarda mattinata di domani, venerdì 3 agosto, precipitazioni sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale, in particolare durante le ore pomeridiane e serali, su Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. Tali fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, e forti raffiche di vento”.
IL CNSAS CONSIGLIA DI STARE ATTENTI AI FULMINI E SPIEGA COME COMPORTARSI
Il Soccorso Alpino richiama tutti i frequentatori delle montagne ad un’attenta verifica delle condizioni meteorologiche già nella fase di pianificazione di un’attività all’aperto. Date la precedenza ai siti delle ARPA regionali, più precisi e analitici rispetto ai servizi meteo commerciali.

In caso di temporale in montagna, ecco 7 consigli del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS:

. Evita la permanenza su percorsi particolarmente esposti, come creste o vette, evita di stare vicino a guglie e pinnacoli anche di altezza modesta: scendi di quota facendo attenzione al terreno scivoloso.

Resta lontano da alberi isolati e non cercare riparo dalla pioggia sotto di questi ultimi, specie se d’alto fusto o comunque più elevati della vegetazione circostante. Il bosco fitto offre parziale riparo, ma evita sempre di sostare sotto le piante più alte. 
CNSAS SPIEGA COSA FARE:
1. Accovacciati a piedi uniti evitando per quanto possibile il contatto con il suolo: siediti su uno zaino, una corda, del legno o rami secchi.
2.Tieniti alla larga dalle ferrate e dai percorsi di montagna attrezzati con funi e scale metalliche e da altre situazioni analoghe come in genere il materiale alpinistico.
3. Trova rifugio in un anfratto di roccia solo se asciutto, al riparo da possibili scariche di sassi, possibili in presenza di fenomeni violenti.

4. Evita di avvicinarti o appoggiarti a pareti con percolazione d’acqua.

5. Rifugiati se possibile in auto, lontano da ruscelli e torrenti che in pochi minuti possono assumere regime di piena, con porte e finestrini chiusi: è un luogo molto sicuro in caso di fulmini.
 

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login