Ferdinando Imposimato lascia questa vita terrena. Simbolo di giustizia e alto valore morale





 

di Cinzia Marchegiani

ROMA – Una notizia inattesa e triste ci ha raggiunto l’inizio di questo 2018. Ferdinando Imposimato ci lascia, l’annuncio della sua morte avvenuta al policlinico Gemelli di Roma ha lasciato tutti senza parole.

Ferdinando Imposimato, magistrato, avvocato e politico, presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, simbolo della giustizia, grande difensore della costituzione italiana, alto valore morale lascia al popolo italiano un’eredità unica, la sua passione, il suo coraggio e sua libertà, il suo modo di essere vicino ai più deboli, sfidando corruzione, la mafia e anche un sistema distorto del nostro parlamento e le sue leggi inique.

Noi di FreedomPress lo vogliamo salutare così, con la sua Lectio Magistralis del Presidente Ferdinando Imposimato agli studenti dell’Università Roma3 dello scorso novembre 2016:

Carissimi studenti di Roma 3, sono con voi.

Grazie per l’accoglienza e il vostro coraggio. Mi spiace doverlo dire ma l’Università è degradata a livello di mercato delle vacche a causa del disimpegno dei governanti e di errori che danneggiano intere generazioni di giovani, messi in condizione di non fruire di una buona preparazione. Le riforme dei vari governi di sinistra, destra e larghe intese si sono poste sul piano dell’efficientismo e del mercantilismo, in netto contrasto coi principi costituzionali, non derogabili da artifici meritocratici dietro cui si nasconde l’affarismo , il clientelismo e l’arrivismo. Questi sono resi possibili da un malinteso regime di autonomia, che non è arbitrio ma va intesa a “garanzia della libertà di insegnamento e di ricerca scientifica” e “nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato”, in primo luogo dalla Costituzione repubblicana. Fermi restando i diritti inviolabili degli studenti, quali il diritto allo studio e all’eguaglianza dei diritti sociali. Decreti emanati assieme a provvedimenti amministrativi che hanno stravolto la Costituzione: circolari, regolamenti, atti ministeriali reggono le sorti dell’Università all’insegna del clientelismo, dell’affarismo e dell’ignoranza. L’idea di Università tradizionale fondata sulla necessità di garantire il sapere e la libertà di scienza è stata sostituita dal modello aziendale, dirigistico, economicistico, clientelare e di centro di propaganda politica partitica e di sistemazione di amici e parenti.




La Repubblica non si ispira a principi utilitaristici ma si impegna a rimuovere ( art3) gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e l’eguagliaznza, impedisco a tutti la partecipazione alla organizzazione politica economica e sociale dello Stato. Che è una grande organizzazione solidaristica soprattutto verso i più deboli (art 2).

Non accettiamo il principio del monopolio della ricchezza che porta fatalmente al monopolio dell cultura, sicchè le scuole medie e universitarie, sbarrate agli ottimi quando figli di poveri, si riempiono di pessimi figli di ricchi e privilegiati. Che diventano pessimi politici, pessimi governanti e pessimi professionisti. La sola speranza di riscatto viene dagli studenti, non condizionati dal ricatto di un governo insolente e prepotente. Noi siamo con gli studenti e le loro battaglie in difesa della scuola e le univeristà statali, come voleva Aristotele, che disse <<il legislatore deve preoccuparsi anzitutto dell’educazione dei giovani, nessuno può dubitare di ciò. Ed è questo che negletto nello Stato rovina la Costituzione e la democrazia >>. (Aristotele la politica)

Ed è questo che manca nelle scuole e Università italiane. Un abbraccio a voi tutti.

 

Ci lascia un uomo di altri tempi in un mondo dominato dalla corruzione, dalle incapacità politiche di sostenere i più deboli e dalla presunzione degli uomini di potere di governare il mondo e le anime delle persone semplicemente togliendo diritti e dignità.

 

Articoli Correlati

Vaccini, Mattarella firma il Decreto Legge Lorenzin. Imposimato: “È una tangente legalizzata, un fatto criminale”

Legge elettorale, il patto Renzi/Grillo. Imposimato ammonisce il M5S: “Non posso tacere di fronte a questo obbrobrio”

Ateneo Roma 3 vieta l’aula? Lectio Magistralis del Presidente Imposimato, gli studenti si arrangiano sui gradini

 

Potete seguire FreedomPress anche su Facebook, cliccando QUI e mettendo Mi piace


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login