Paesi con leadership femminile subiscono sei volte di meno morti di Covid-19

 

STUDIO – La crisi COVID-19 indica la leadership femminile come indicatore di società più sane e più eque che sono più ricettive nei confronti delle agende politiche ponendo il benessere sociale e ambientale al centro del processo decisionale nazionale, secondo una nuova analisi che coinvolge Lorenzo Fioramonti dell’Università di Pretoria e Luca Coscieme di Trinity College Dublin.

I ricercatori hanno eseguito alcune analisi statistiche sui dati disponibili sulla pandemia COVID-19 e una serie di dimensioni dei bisogni umani di base, disuguaglianza e resilienza economica. Per le analisi, hanno usato continue dati giornalieri del numero di confermati COVID-19 morti per un totale di 35 paesi dal 31 dicembre st 2019 al 11 maggio ° 2020 (i dati sono disponibili presso il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ).

In data 29 maggio 2020 riportano un riassunto di alcune delle sorprendenti correlazioni, che includono:

  • > I paesi con donne in posizione di comando hanno subito sei volte meno decessi confermati per COVID-19 rispetto ai paesi con governi guidati da uomini
  • > I governi a guida femminile sono stati più efficaci e rapidi nell’appiattire la curva dell’epidemia, con picchi nelle morti giornaliere circa sei volte inferiori rispetto ai paesi governati da uomini
  • > Il numero medio di giorni con decessi confermati è stato di 34 nei paesi governati da donne e 48 nei paesi governati da uomini

Luca Coscieme, Marie Sk? Odowska-Curie e Irish Research Council CAROLINE Fellow presso la School of Natural Sciences del Trinity College di Dublino, è uno degli autori dello studio. Egli ha detto:

“I governi a guida femminile hanno condiviso approcci simili alla crisi, caratterizzati da una consultazione precoce con esperti e consulenti sanitari nazionali, e le misure di contenimento sono state implementate in anticipo. D’altra parte, la maggior parte dei governi a guida maschile ha minimizzato gli avvertimenti iniziali e ha agito con notevoli ritardi per rispondere alla crisi “.

Ad esempio, mentre il 14 marzo (con solo 102 casi confermati di coronavirus), il governo della Nuova Zelanda guidato da Jacinda Ardern ha annunciato rigorose misure di blocco e di quarantena, in un momento simile il governo britannico guidato da Boris Johnson ha concesso il 10-13 marzo (con oltre 700 casi confermati), il raduno di molte migliaia di persone in occasione di grandi eventi come i campionati di calcio della UEFA Champions League, il Cheltenham Festival, Crufts e concerti musicali.

Un modello altrettanto positivo si è verificato in Danimarca, Norvegia e Finlandia, tutte governate da donne, al contrario della Svezia, governate da un uomo, in cui le considerazioni economiche hanno superato le preoccupazioni per la salute e alla fine hanno portato al più alto numero di morti pro capite in Europa.

Gli autori dello studio hanno aggiunto:

“Negli ultimi anni, la maggior parte dei governi a guida femminile ha anche posto maggiormente l’accento sul benessere sociale e ambientale , investendo maggiormente nella salute pubblica e riducendo l’inquinamento atmosferico, che sembra essere strettamente associato ai decessi COVID-19 . La nostra analisi mostra che i paesi con governi guidati da donne soddisfano meglio i bisogni umani di base, un componente dell’indice di progresso sociale , che considera gli aspetti dell’assistenza medica di base, dell’igiene, del ricovero e della sicurezza personale “.

Distribuzione del reddito e ripresa economica

Altri risultati chiave dell’analisi includono la scoperta che i paesi con donne leader tendono ad essere più uguali, con, in media, un indice Gini di distribuzione del reddito inferiore di 5 punti rispetto ai paesi con donne leader.

Resilienza e Recessione Economica

Per quanto riguarda la resilienza e la ripresa dopo la crisi, i risultati mostrano che i paesi guidati dalle donne rischiano di soffrire il minimo della conseguente recessione economica: le previsioni di crescita del PIL per il 2020 indicano che subiranno un calo inferiore al 5,5%, mentre i paesi con i capi maschili si ridurranno di oltre il 7%.

Alcuni di questi governi a guida femminile hanno recentemente lanciato un’alleanza internazionale per promuovere il “benessere sociale ed ecologico” come pietra angolare delle loro politiche economiche.

Gli autori hanno detto:

Esistono prove per le donne che hanno maggiori probabilità di assumere posizioni di leadership nelle società che valorizzano l’equità, la solidarietà e la collaborazione, che di solito sono associate a comunità più sane. Con l’aumentare del rischio di pandemia e malattie trasmesse da vettori, potremmo voler riconsiderare ciò che è un buon processo decisionale e quali politiche rendono le nostre economie e società resistenti agli shock. “

RIMANI AGGIORNATO SEGUICI

SU FB cliccando —> QUI  mettendo Mi piace o Segui

SU TWITTER —>  QUI

You must be logged in to post a comment Login