Colleferro, al Multisala il film inchiesta sulla malasanità. I Comitati: “Diamo segnali di unione”






 

L’evento

 

di Cinzia Marchegiani

Colleferro (Roma) – Approda a Colleferro il film inchiesta sulla sanità pubblica, o meglio la malasanità e i misfatti che vengono perpetrati a danno della collettività.

E’ un appuntamento importante” ci tengono a precisare tutti i comitati locali che da anni si battono per contrastare i continui tagli alla sanità pubblica nel territorio e per ristabilire quel senso di dignità e diritti delle persone, pazienti troppo spesso vilipesi. Ma troppo spesso però la stessa collettività demanda queste battaglie non conoscendo il proprio potere.

Purtroppo anche il Censis già nel lontano 2017 ha sancito che curarsi è diventato un lusso.

L’APPUNTAMENTO E L’INVITO A TUTTI I CITTADINI.

Il docufilm “C’era una volta in Italia – Giacarta sta arrivando”, realizzato da Federico Greco e Mirko Melchiorre, verrà proiettato il prossimo 28 marzo alle ore 18 al cinema Ariston di Colleferro, con ingresso libero reso possibile dalla disponibilità del gestore del multisala, Daniele Mandova, in collaborazione con i locali comitati da anni in lotta per la difesa e il potenziamento della sanità pubblica: il Comitato Salute ed Ambiente Asl Rm5, il Comitato Libero “A difesa dell’ospedale di Colleferro”, il Comitato residenti Colleferro e Consulta le Donne.

 

COLLEFERRO: UN DOCUFILM COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE NELLE BATTAGLIE CIVICHE




Il territorio quello di Colleferro è noto alle cronache da tempo perchè ha subito gravi tagli alla sanità che si abbattono come scure sui servizi per i cittadini, e quindi pazienti e malati.

Per questo motivo gli stessi comitati che da decenni si battono per riportare la sanità territoriale all’altezza dei diritti della persona hanno identificato in questo film documentario la giusta forza comunicativa per far comprendere agli spettatori quanto sia importante partecipare alle lotte  per rivendicare i propri diritti costituzionali, in particolare in difesa della sanità nazionale pubblica.

C’era una volta in Italia – Giacarta sta arrivandoun film inchiesta sui misfatti della sanità calabrese.

LA TRAMA. Il film racconta la storia della chiusura dell’Ospedale pubblico di Cariati, in provincia di Cosenza, che ha provocato tragiche conseguenze per l’assistenza sanitaria degli abitanti e per la loro salute, mostrando la tenace reazione dei cittadini che occupano la struttura sanitaria per cercare di farla riaprire!

I responsabili del Comitato Salute ed Ambiente Asl Rm5, il Comitato Libero “A difesa dell’ospedale di Colleferro”, il Comitato residenti Colleferro e Consulta le Donne sottolineano l’importanza dei contenuti del film, garantendo la gratuità dello spettacolo, che sarà a spese degli attivisti con la disponibilità a titolo gratuito del gestore del multisala Ariston di Colleferro a cui vanno i ringraziamenti degli organizzatori:

“Siamo certi che tanto impegno sarà ripagato dalla presenza numerosa di Amministratori locali e della cittadinanza, che potranno seguire sullo schermo come realizzare una reazione sociale efficiente, adatta ad opporsi alle continue perdite di settori del welfare sociale e sanitario.”

Gli organizzatori saranno presenti dalle ore 17:00 per incontrare i cittadini e distribuire materiale informativo.

Quanto è importante esserci in questi momenti non serve neanche scriverlo più. Troppo spesso abbiamo demandato partecipazione e scelte ad altri. E ora la sanità pubblica piange! Chi ha denaro di certo non ha problemi a trovare un appuntamento per esami diagnostici e/o visite specialistiche, ma anche chi non ha problematiche deve interessarsi perchè il bene pubblico è di tutti a prescindere a va difeso soprattotto quando è sotto attacco!

Articoli Correlati

. Censis, rapporto “Sanità pubblica e privata”. Cosa lascia il dicastero della salute guidato dalla Lorenzin? Curarsi è un lusso!

. Caso ASL Roma 5. Dopo la parata dei sindaci Fabroni tuona: “Servono atti concreti non politichese”


Sostieni FreedomPress.it  con un segui o un like su FACEBOOK  o su Twitter


 


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login