Kenya, muore Sudan l’ultimo rinoceronte bianco. Simbolo del disprezzo umano per la natura





 

 

di Cinzia Marchegiani

NANYUKI (KENYA)- Un gigante unico al mondo fuggito dalla crudeltà dell’uomo a 45 anni muore. Sudan rimane il simbolo della crudeltà e del disprezzo umano per la natura.

L’ANNUNCIO DELLA SUA MORTE. A dare l’annuncio della sua morte sono Ol Pejeta Conservancy e lo zoo di   Dvůr Králové :” Ècon grande tristezza che annunciano che Sudan, l’ultimo rinoceronte bianco settentrionale del mondo è morto a Ol Pejeta Conservancy in Kenya ieri, 19 marzo 2018″.

LA DIFFICILE DECISIONE PER SUDAN, EUTANASIA PER FAR CESSARE LE SUE SOFFERENZE. Sudan aveva 45 anni, è stato trattato per complicazioni legate all’età che hanno portato a cambiamenti degenerativi nei muscoli e nelle ossa, associati a ferite estese della pelle. Le sue condizioni sono peggiorate significativamente nelle ultime 24 ore; non era in grado di alzarsi e soffriva molto. La squadra veterinaria dello zoo di Dvůr Králové, Ol Pejeta e Kenya Wildlife Service ha preso la decisione di applicare l’eutanasia.

SUDAN, UNA VITA INSOLITAMENTE MEMORABILE. Sudan sarà ricordato per la sua vita insolitamente memorabile. Negli anni ’70, è sfuggito all’estinzione della sua specie in natura quando è stato trasferito nello zoo di Dvůr Králové. Nel corso della sua esistenza, ha contribuito in modo significativo alla sopravvivenza della sua specie quando ha generato due femmine. Inoltre, il suo materiale genetico è stato raccolto ieri e fornisce una speranza per i futuri tentativi di riproduzione dei rinoceronti bianchi del nord attraverso tecnologie cellulari avanzate. Durante i suoi ultimi anni, Sudan tornò in Africa e rubò il cuore di molti con la sua dignità e forza.




Richard Vigne, CEO di Ol Pejeta  ha dichiarato:Noi di Ol Pejeta siamo tutti rattristati dalla morte del Sudan. È stato un grande ambasciatore per la sua specie e sarà ricordato per il lavoro che ha svolto per aumentare la consapevolezza a livello globale della difficile situazione non solo dei rinoceronti, ma anche delle molte migliaia di altre specie che si trovano ad affrontare l’estinzione a causa di un’attività umana insostenibile. Un giorno, la sua scomparsa si spera possa essere vista come un momento fondamentale per gli ambientalisti di tutto il mondo“.

SFORTUNATAMENTE LA MORTE DI SUDAN LASCIA IL PIANETA SOLO DUE RINOCERONTI BIANCHI FEMMINILI. Sfortunatamente, la morte del Sudan lascia sul pianeta solo due rinoceronti bianchi settentrionali femminili; sua figlia Najin e sua figlia Fatu, che rimangono a Ol Pejeta. L’unica speranza per la conservazione di questa sottospecie sta ora nello sviluppo di tecniche di fecondazione in vitro (IVF) usando le uova delle due femmine rimanenti, lo sperma bianco del nord rinoceronte bianco immagazzinato dai maschi e le femmine di rinoceronte bianco meridionale surrogato.

SUDAN ULTIMO RINOCERONTE BIANCO SETTENTRIONALE NATO IN NATURA, OL PEJETA LANCIA RACCOLTA FONDIPER LA FECONDAZIONE IN VITRO

“Sudan è stato l’ultimo rinoceronte bianco settentrionale nato in natura. La sua morte è un simbolo crudele del disprezzo umano per la natura e rattrista tutti quelli che lo conoscevano. Ma non dovremmo arrenderci. Dobbiamo approfittare della situazione unica in cui le tecnologie cellulari sono utilizzate per la conservazione di specie a rischio di estinzione. Può sembrare incredibile, ma grazie alle nuove tecniche sviluppate anche il Sudan potrebbe avere ancora una prole “, ha detto Jan Stejskal, direttore dei progetti internazionali dello zoo di Dvůr Králové. “Saremo felici per tutti coloro che ci aiuteranno nel nostro sforzo congiunto”.

COSTO FECONDAZIONE. Il costo stimato della fecondazione in vitro – dallo sviluppo del metodo, alle prove, all’impianto e alla creazione di un allevamento riproduttivo di bianchi del nord – potrebbe arrivare a 9 milioni di dollari. Eppure questa è la speranza per preservare un’intera sottospecie. Ol Pejeta e Dvůr Králové Zoo chiedono ai sostenitori di donare a questa campagna in memoria del Sudan, per aiutarci a raccogliere i fondi necessari prima che sia troppo tardi. Visita http://donate.olpejetaconservancy.org/projects/sudan .

 

 

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login