NIH, lo studio conferma legame tra vaccino covid-19 e aumento ciclo mestruale

di C.M.

NIH – Quante donne in Italia e in europa sono state informate del nuovo studio del NIH, l’agenzia di ricerca medica america, la più importante al mondo che conduce e supporta la ricerca medica di base, clinica e traslazionale e sta studiando le cause, i trattamenti e le cure per le malattie comuni e rare?

Noi di FreedomPress.it abbiamo analizzato il sito del Ministero della salute sotto la direzione dell’ex Ministro Speranza e sembra non essercene traccia, a differenza della Francia che avvisa i suoi cittadini e supporta la segnalazione come effetto avverso alla rete di farmacovigilanza. E in Italia? Silenzio

Abbiamo atteso un po’ prima di pubblicarlo per valutare se nel tempo le istituzioni avessero preso in seria considerazione l’importanza della comunicazione nei confronti delle donne che hanno aderito alla campagna di vaccinazione covid-19.

Cosa dice lo studio pubblicato il 27 settembre 2022?


Lo studio conferma il legame tra la vaccinazione COVID-19 e l’aumento temporaneo della durata del ciclo mestruale

Un ampio studio finanziato dai NIH ha incluso partecipanti in Nord America ed Europa.

 

Un ampio studio internazionale ha confermato i risultati di un precedente studio statunitese che collegava la vaccinazione COVID-19 con un aumento medio della durata del ciclo mestruale inferiore a un giorno. L’aumento non è stato associato ad alcun cambiamento nel numero di giorni delle mestruazioni (giorni di sanguinamento). Finanziato dal National Institutes of Health, il nuovo studio ha incluso i dati di quasi 20.000 persone provenienti da Canada, Regno Unito, Stati Uniti, Europa e altre parti del mondo che hanno ricevuto uno dei nove diversi vaccini. Per la maggior parte dei partecipanti allo studio, l’aumento si è risolto nel ciclo successivo alla vaccinazione.

Il principale investigatore dello studio era Alison Edelman, MD, MPH, della Oregon Health & Science University di Portland. Appare nella medicina BMJ.

“Questi risultati forniscono ulteriori informazioni per consigliare le donne su cosa aspettarsi dopo la vaccinazione”, ha affermato Diana Bianchi, MD, direttrice dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) del NIH. “I cambiamenti dopo la vaccinazione sembrano essere piccoli, entro il normale intervallo di variazione e temporanei”.

Il NICHD e l’Office of Research on Women’s Health del NIH hanno finanziato lo studio, che faceva parte di 1,67 milioni di dollari assegnati a cinque istituzioni per esplorare potenziali collegamenti tra la vaccinazione COVID-19 e i cambiamenti mestruali.

Una variazione della durata del ciclo inferiore a otto giorni è considerata all’interno del normale intervallo di variazione. Sebbene i piccoli cambiamenti mestruali possano non essere significativi per gli operatori sanitari e i ricercatori, hanno scritto gli autori dello studio, i cambiamenti percepiti in una funzione corporea legata alla fertilità possono essere allarmanti per coloro che la sperimentano e potrebbero contribuire all’esitazione del vaccino.

I ricercatori hanno analizzato i dati non identificati dall’app di monitoraggio della fertilità, Natural Cycles. Gli utenti dell’app hanno fornito informazioni sulla loro temperatura e sui loro cicli mestruali. Avevano anche la possibilità di acconsentire all’utilizzo dei propri dati anonimi per la ricerca. Il lancio mondiale dei vaccini COVID-19 ha permesso agli autori dello studio di ampliare il loro studio originale sulle persone negli Stati Uniti. Lo studio includeva dati di partecipanti in tutto il mondo, ma la maggior parte proveniva dal Regno Unito (32%), dagli Stati Uniti e dal Canada (29%) e dall’Europa (34%). Oltre ai vaccini messaggero RNA COVID-19 (Pfizer-BioNTech e Moderna), i partecipanti hanno ricevuto vaccini COVID-19 a base di virus ingegnerizzati (AstraZeneca, Covishield, Janssen/Johnson & Johnson e Sputnik) e virus inattivati ​​(Covaxin, Sinopharm, e Sinovac).

Hanno partecipato un totale di 19.622 persone. Di questi, 14.936 sono stati vaccinati e 4.686 no. I ricercatori hanno analizzato i dati su almeno tre cicli consecutivi prima della vaccinazione e almeno un ciclo dopo. I dati di almeno quattro cicli consecutivi sono stati analizzati in un intervallo di tempo simile per i partecipanti non vaccinati.

In media, le persone vaccinate hanno registrato un aumento di meno di un giorno in ogni ciclo in cui sono state vaccinate: un aumento di 0,71 giorni dopo la prima dose e un aumento di 0,56 giorni dopo la seconda dose. I partecipanti che hanno ricevuto entrambe le dosi in un unico ciclo hanno avuto un aumento della durata del ciclo di 3,91 giorni. Dopo la vaccinazione, la durata del ciclo è aumentata di soli 0,02 giorni per gli individui che hanno ricevuto una dose per ciclo e 0,85 giorni per gli individui che hanno ricevuto due dosi in un ciclo, rispetto ai partecipanti che non erano stati vaccinati. I cambiamenti nella durata del ciclo non differivano in base al tipo di vaccino ricevuto.

Del totale, 1.342 partecipanti hanno subito un cambiamento nella durata del ciclo di otto o più giorni, comprendendo il 6,2% degli individui vaccinati e il 5,0% degli individui non vaccinati. Le donne che erano più giovani e che avevano una durata del ciclo più lunga prima della vaccinazione avevano maggiori probabilità di sperimentare l’aumento.

Gli autori hanno chiesto studi futuri su altri aspetti dei cambiamenti legati alla vaccinazione ai cicli mestruali, come sanguinamento vaginale inaspettato, flusso e dolore mestruali. Hanno anche chiesto studi per determinare le ragioni fisiche per cui potrebbero verificarsi tali cambiamenti.


Quanto è stato preso in seria considerazione un follow-up sistemico delle donne che hanno aderito alla vaccinazione covid-19? Quante donne sanno che occorre segnalare qualsiasi cambiamento lieve o importante in merito alla durata ma anche del flusso del proprio ciclo mestruale e che i medici sono chiamati a notificare alla rete di Farmacovigilanza?

Quante donne non sono state censite? Come afferma il NIH,  “gli autori hanno chiesto studi futuri su altri aspetti dei cambiamenti legati alla vaccinazione ai cicli mestruali, come sanguinamento vaginale inaspettato, flusso e dolore mestruali”. Infatti la Francia ha già avviato la segnalazione e la campagna sensibilizzazione 

Ma quante donne invece della durata hanno subito un ciclo abbondante tale da impedire loro di poter uscire da casa e andare a spasso o al lavoro perchè la perdita mestruale era impossibile da gestire con dei semplici assorbenti e quante di esse hanno dovuto ricorrere alla pillola anticoncezionale per rimediare? Siamo senza dati!

Speriamo che il nuovo ministero della salute avvii una campagna di sensibilizzazione come sta facendo la Francia.

 

To be continued…

Continua a leggere su FreedomPress.it  o su Twitter 

You must be logged in to post a comment Login