Roma, San Camillo-Forlanini nel caos. Il Sindacato Nursind denuncia: “Senza infermieri l’ospedale muore”





 

 

di Cinzia Marchegiani

Roma – Storia di malasanità e malagestione sulla carenza del personale infermierostico e di riflesso sui turni degli infermieri denunciata proprio dal sindacato Nursind. L’Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini  nel caos. Il Sindacato delle Professioni Infermieristi dopo numerose denunce fatte dai lavoratori ha proclamato lo Stato di Agitazione Sindacale a firma della  la Segreteria Nursind Aziendale.

Stefano BaroneSeg. Amministrativo Nursind Provincia di Roma, Seg. Aziendale Nursind San Camillo- Forlanini  con un comunicato secco denuncia e avverte:

“SENZA INFERMIERI L’OSPEDALE MUORE. DOPO LE NUMEROSE DENUNCE FATTE DAI LAVORATORI E DALLA SCRIVENTE OS IN RELAZIONE”:




  1. Alla carenza di personale infermieristico che implica un potenziale rischio sia per gli utenti sia per il personale coinvolto.  

  2. All’evidente fallimento del piano estivo redatto dall’Amministrazione.

  3. Alla condizione di forte disagio lavorativo che subiscono gli Infermieri oramai vessati da doppi turni e ordini di servizio illegittimi “oggi per oggi” con evidenti ricadute sulla vita familiare.

  4. Alla da noi sempre contestata moda da parte dell’Amministrazione di adeguare unilateralmente il numero del personale alle dotazioni minime in caso di sciopero previste dal Contratto Integrativo.

Per questo il Nursind proclama “LO STATO DI AGITAZIONE SINDACALE” e si riserva, qualora le risposte della Dirigenza non fossero celeri e incisive nel risolvere lo stato di disagio dei lavoratori e degli utenti, di indire iniziative all’interno della struttura e di avviare comunicazioni e interrogazioni alle autorità competenti e ai media locali e nazionali.

Chiosa il comunicato a firma della Segreteria Nursind Aziendale:Il mantra “non c’e’ nessuno… non giustifica la disorganizzazione e la cattiva gestione figlia di un fabbisogno infermieristico calcolato il più delle volte su metodi empirici o consuetudinari.

 

Potete seguirci anche su Facebook, cliccando QUI e mettendo Mi Piace


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login