Covid, variante Delta. Università California: “Cariche virali simili tra Vaccinati e Non Vaccinati”

 

 

 

di Cinzia Marchegiani

USA – Ormai la variante SARS-CoV-2 delta (B.1.617.2) è altamente trasmissibile e si sta diffondendo a livello globale, anche nelle popolazioni con alti tassi di vaccinazione. Un nuovo studio dell’Università della California, Davis, Genome Center, UC San Francisco e Chan Zuckerberg Biohub efettuato sulla variante Delta e la sua carica virale nei gruppi vaccinati e non vaccinati pubblicato lo scorso 4 ottobre 2021 evidenzia un fatto ormai importante in virtù di un greenpass utilizzato per la gestione emergenza sanitaria:

“non mostra differenze significative nella carica virale tra persone vaccinate e non vaccinate che sono risultate positive alla variante delta di SARS-CoV-2. Inoltre, non ha riscontrato alcuna differenza significativa tra le persone infette con o senza sintomi”.

COSA SUGGERISCONO I RICERCATORI? I risultati sottolineano la continua necessità di mascheramento e test regolari insieme alla vaccinazione, specialmente nelle aree ad alta prevalenza, hanno scritto gli autori. Lo studio è attualmente disponibile online come prestampa da MedRxiv.

“Il nostro studio si aggiunge ai dati esistenti sui livelli di virus nelle scoperte vaccinali in due contesti di elevata prevalenza comunitaria in corso della variante delta”, ha affermato il professor Richard Michelmore, direttore dell’UC Davis Genome Center.

STUDIO: Lo studio è stato condotto con campioni positivi da test asintomatici presso l’UC Davis for Healthy Yolo Together e presso il sito di test walk-up Unidos en Salud nel Mission District di San Francisco.

 I ricercatori hanno esaminato 869 campioni positivi, 500 di Healthy Yolo Together e 369 di Unidos en Salud. Tutti i campioni di Healthy Yolo Together provenivano da persone asintomatiche al momento del risultato positivo del test e tre quarti provenivano da individui non vaccinati. I campioni di Unidos en Salud includevano sia casi asintomatici che sintomatici. Poco più della metà (198) dei campioni di Unidos en Salud non erano vaccinati.

Ampie variazioni della carica virale tra gruppi vaccinati e non vaccinati, ma non tra di loro

Quando hanno analizzato i dati, i ricercatori hanno trovato ampie variazioni nella carica virale all’interno dei gruppi vaccinati e non vaccinati, ma non tra di loro.

 Non c’era alcuna differenza significativa nella carica virale tra vaccinati e non vaccinati, o tra gruppi asintomatici e sintomatici.

I vaccini hanno dimostrato di essere altamente efficaci nel prevenire malattie gravi, ospedalizzazione e morte per COVID-19. Ad esempio, a metà settembre, 41 pazienti su 49 ricoverati con COVID-19 presso l’UC Davis Medical Center di Sacramento non erano vaccinati.

Possono verificarsi infezioni intercorrenti in cui le persone vaccinate si ammalano, specialmente nelle aree in cui la prevalenza del virus è alta.

Sebbene le persone vaccinate con infezioni intercorrenti abbiano molte meno probabilità di ammalarsi gravemente rispetto a quelle non vaccinate, il nuovo studio mostra che possono trasportare quantità simili di virus e potrebbero potenzialmente diffondere il virus ad altre persone. Questo studio non ha affrontato direttamente la facilità con cui le persone vaccinate possono essere infettate da SARS-CoV-2 o la facilità con cui qualcuno con un’infezione rivoluzionaria può trasmettere il virus.

“Il nostro studio non fornisce informazioni sull’infettività”, ha detto Michelmore. “La trasmissione sarà influenzata da diversi fattori, non solo dallo stato di vaccinazione e dalla carica virale”.

Tali fattori potrebbero includere, ad esempio, quando sono stati vaccinati e con quale vaccino, lo stato sottostante del loro sistema immunitario e l’intensità dell’esposizione.

È molto importante farsi vaccinare, ha detto Michelmore, perché i vaccini riducono notevolmente il rischio di malattie gravi, ma non dovresti presumere che poiché sei vaccinato non puoi essere infettato o trasmettere la malattia ad altri.

Gli autori quindi lanciano importanti suggerimenti a chi gestisce l’emergenza sanitaria:

L’uso della maschera e i test regolari rimangono importanti, specialmente nelle aree ad alta prevalenza”.

Dall’autunno 2020, l’UC Davis Genome Center offre test COVID-19 asintomatici per studenti e dipendenti, per i residenti della città di Davis e ora per altri residenti della contea di Yolo attraverso Healthy Davis Together e Healthy Yolo Together. Al 30 settembre 2021, il centro aveva eseguito oltre 900.000 test.

SOCIAL. FreedomPress.it  lo trovi su FB cliccando QUI  mettendo Mi piace o su Twitter cliccando QUI

 

 

You must be logged in to post a comment Login