IL RE DELL’ARTICO. La Società Scientifica Russa: “Oggi giornata internazionale celebrata in cinque paesi”





 

 

Foto: Sergey Gorshkov

di Cinzia Marchegiani

La Società Geografica Russa oggi ricorda la giornata internazionale dell’orso polare, festa celebrata in cinque paesi, in cui vive lo straordinario predatore: Russia, Norvegia, Canada, Danimarca (Groenlandia) e Stati Uniti d’America.

L’orso polare è il più grande predatore del pianeta, che dimora sulla terra. Il peso del suo corpo può raggiungere 800 kg. Il peso medio di un maschio è 400-450 kg, le femmine – 350-380 kg. La lunghezza del corpo dei maschi è 200-250 cm, le femmine 160-250 cm. L’altezza al garrese è 130-150 cm.

Il predatore polare abita l’area del ghiaccio galleggiante vicino alle coste dell’Oceano Artico. In Russia, in particolare si sofferma su Wrangel Island, il parco nazionale “russa Arctic” e la Federal Reserve “Terra di Francesco Giuseppe”, che è impegnata nella sua tutela e conservazione. Attualmente, ci sono circa 26.000 orsi polari nel mondo. La specie è elencata nei Red Data Books della Federazione Russa, negli Stati Uniti e in Canada“.

La Società Geografica Russa spiega i pericoli che minacciano questo magnifico animale, il ‘Re dell’Artico’: “Ogni anno l’habitat abituale del re dell’Artico cambia sempre di più. La principale minaccia per gli orsi polari per gli scienziati è lo scioglimento dei ghiacci polari – l’habitat principale dell’animale. Riducendo l’area della copertura glaciale dei mari artici, gli orsi trascorrono più tempo sulla costa, il che crea condizioni pericolose per la sopravvivenza della specie. Qui i predatori non possono cacciare le foche e correre il rischio di incontrare i bracconieri. Un ulteriore pericolo è l’inquinamento dell’Artico”.

Foto: Yaroslav Nikitin

Foto: Yaroslav Nikitin

“In queste condizioni, è particolarmente importante rafforzare le misure per la protezione dei predatori bianchi, monitorare lo stato delle popolazioni, studiare i loro movimenti e reagire ai cambiamenti climatici” ricorda la Società Geografica Russa .

Dal 2010, la Società Geografica Russa sostiene il progetto “Orso polare” . Il suo obiettivo è preservare e studiare gli orsi polari nell’Artico russo, per sviluppare metodi non invasivi per la raccolta di materiale biologico per studi genetici sulla struttura delle popolazioni di specie nella regione.




 

RGO ha dato un contributo significativo allo studio della Russia europea, gli Urali, la Siberia, Estremo Oriente, Medio e l’Asia centrale, il Caucaso, Iran, India, Nuova Guinea, le regioni polari e di altre zone. La società ha posto le basi dell’attività nazionale riservata.

Ulteriori informazioni sulla storia della Società geografica russa sono disponibili nella sezione “Storia “.

Una delle più antiche società geografiche del mondo riunisce esperti nel campo della geografia e scienze affini, così come gli appassionati, viaggiatori, ambientalisti, attivisti sociali – chi vuole imparare cose nuove sulla Russia, che sono disposti ad aiutare a preservare le sue risorse naturali.

Il 19 Novembre 2009 ha tenuto un congresso speciale della Società Geografica Russa, che ha portato alla commissione di vigilanza della società è stata fondata, guidato da Vladimir Vladimirovich Putin. I membri del Consiglio erano filantropi, educatori e personaggi pubblici nazionali ed esteri. Sergei Kuzhugetovich Shoigu è stato eletto presidente della società civile russa.

Negli ultimi anni, la Società Geografica Russa (RCO) ha attuato una serie di progetti su larga scala: il concorso fotografico “Il più bel paese”, dettatura geografica internazionale, spedizione archeologica e geografico “Kyzyl-Kuragino” spedizione complesso “Hogland” spedizione della Russia artica clean-up e molti altri. La RGO sta lavorando attivamente allo studio e alla protezione di animali e uccelli rari. Tra questi – la tigre dell’Amur, la balena cetaceo, il bisonte, l’orso polare. La Società pubblica oltre 200 pubblicazioni scientifiche all’anno, fornisce sovvenzioni e supporto informativo alla produzione di film sul patrimonio culturale e naturale della Russia.

 

 RCO, SOCIETÀ SCIENTIFICA RUSSA, cliccare QUI 
Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login