Vaccinazioni sicure e libertà di scelta. Nessuna battaglia decantata, a Roma il 24 febbraio una grande manifestazione





 

 

di Cinzia Marchegiani

Nessuna battaglia decantata. Dopo la legge 119 del 31 luglio 2017 la battaglia contro la coercizione che vede i bambini non in regola con le vaccinazioni essere esclusi dalla scuola materna nonostante abbiano iniziato il loro percorso di inclusione prosegue e vuole far sentire la propria voce a pochi giorni dalle elezioni politiche per portare al centro del dibattito politico, una civile e entusiasmante marcia che non dà segni di cedimento.

Anzi. Dopo la Relazione finale della Commissione d’inchiesta parlamentare Uranio impoverito e vaccini militari presentata in conferenza stampa alla Camera dei Deputati lo scorso 7 febbraio 2018 presieduta dall’On. Gianpiero Scanu e il vice presidente, l’On. Ivan Catalano questa manifestazione ha preso più forza ed è determinata a difendere in primis la salute dei propri figli e anche i diritti di fronte ad un atto medico preventivo che ora ha accertato che concorrebbe alle cause di multifattorialità, da cui derivano poi le patologie neoplastiche e neurodegenerative.

Trovate la relazione e la descrizione del lavoro fatto a questo indirizzo [http://bit.ly/Relazione_Finale]

Silenzio assordante dopo la pubblicazione di questa inedita relazione frutto di un’indagine parlamentare. Anzi stimati professori continuano a negare i danni da vaccino, continuano a semplificare l’atto della profilassi vaccinale come una puntura che non produce alcuna reazione avversa, nessuna patologia ed è sicura ed efficace.

Eppure conseguenza di questa relazione  sono state presentate le proposte qui sotto indicate:

  • vaccini monodose e monovalenti e vaccini più puliti;
  • somministrazione presso sanità pubblica con protocolli militari
  • utilizzo del FSE;
  • esami pre-vaccinali al momento dell’arruolamento e sorveglianza post-vaccinale attiva.

Se deve valere per un militare, un adulto, tutto ciò a maggior ragione deve essere applicato a bambini in età pediatrica e neonatale?

La logica indicherebbe di sì.

C’è da chiedersi, ma davvero questi genitori sono dei pazzi? Eppure la relazione intermedia di luglio 2017 – come spiega l’autore di questa innovativa indagine parlamentare, l’On. Catalano – “Avevamo già scritto che a nostro avviso, dalle prime deduzioni a seguito delle audizioni, servissero esami pre-vaccinali e post-vaccinali e la documentazione consegnataci da AIFA ha supportato questa tesi” era già nota quando il governo ha votato la legge 119.

I posteri giudicheranno questa legge in virtù ora di questa devastante relazione finale che potrebbe mettere al muro molte responsabilità.

Vaccinazioni sicure e libertà di scelta. Nessuna battaglia decantata, a Roma il 24 febbraio una grande manifestazione

I cittadini spesso etichettati No vax, Free vax, si sono uniti sotto un’unica bandiera, Movimento Italiano per la “Libertà di Scelta – No all’Obbligo Vaccinale” e hanno informato che sabato 24 febbraio 2018 è stata organizzata una manifestazione nel cuore di Roma.




Associazioni e movimenti, basta cliccare sopra la foto per ingrandire

 

 

 

 

 

FACCIAMO IL PUNTO. I “Cittadini Liberi Consapevoli Puglia” vogliono spiegare ai nostri lettori quali sono le motivazioni che hanno spinto molte associazione, liberi cittadini a partecipare a questo evento:

“Dall’inizio dell’ossessiva campagna sulle vaccinazioni di massa obbligatorie in Italia si è creato un movimento d’opinione, la cui esistenza viene continuamente irrisa, se non negata o relativizzata.  Piuttosto che interrogare direttamente le ragioni di tale movimento si preferisce dare la parola ad ‘esperti’ studiosi e antropologi che definiscano l’identikit del cosiddetto “no vax” e ci spieghino il perché questo individuo-tipo sia refrattario al tema dell’obbligo sanitario!.

Nel frattempo chi confeziona questa sapiente opera di manipolazione dell’opinione pubblica, ovvero il governo uscente, si dice portavoce della Scienza, contro la disinformazione e l’antiscienza.

Scienza: un termine oggi abusato con licenza aperta: scienza delle comunicazioni, scienza del diritto, scienze

sociali, politiche, mediche, umane… se tutto è scienza niente è scienza.

E in ogni caso se la scienza si fa depositaria di verità assolute diventa DOGMA, ma ancora più pericoloso è quando la politica tenta di stabilire i confini tra cosa sia scienza e cosa non lo sia, si appropria di un sapere e un’autorità che non le compete! E il pericolo che si affaccia si chiama dittatura!

La scienza invece è in continua evoluzione e non è di parte! I medici dovrebbero essere i primi a rifiutare queste ingerenze della politica e rimettere in discussione il proprio campo di azione, perché la medicina non è circoscritta alla scienza, pur essendo una pratica applicazione di principi scientifici, è una nobile disciplina che si avvicina molto all’arte e all’umanesimo.

Essa è impropriamente investita di quella oggettività e causalità imputata alle scienze esatte. Ma il suo campo d’indagine non è un oggetto, bensì il soggetto Uomo nella sua complessità… a meno che non vogliamo considerare l’uomo un oggetto, il corpo una macchina, o una somma di cellule e di parti sostituibili.

Il medico è un uomo che vuole curare l’Uomo e per farlo mette in campo le conoscenze scientifiche, ma anche la sua intuizione, e soprattutto l’empatia con chi cerca con lui una cura per sé o per qualcuno.

Sabato 24 febbraio dalle ore 14:00 alle ore 18:00 il Movimento Italiano per la “Libertà di Scelta – No all’Obbligo Vaccinale” manifesta in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma. Aderiscono e promuovono l’iniziativa le maggiori Associazioni italiane e i liberi genitori.

Attesi nella capitale 100.000 attivisti. Parteciperanno rappresentanti della società scientifica e politica”.

Una pagina di storia ormai è stata scritta, è agli atti con un documento che dovrebbe far riflettere, invece assistiamo ad una coltre nebbia che sembra voler domare pensieri, libertà di informazione e assunzioni di grandi responsabilità.

Alla luce di una sconvolgente Relazione finale della Commissione d’inchiesta parlamentare Uranio impoverito e Vaccini militari questa manifestazione assume una grande rilevanza storica nel dibattito civile, politico e sanitario.

Pagina ufficiale: https://www.gruppiuniti.it/roma2018/

 

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login