“No alla chiusura di altri reparti ospedalieri di Frascati e Marino”, il Sindaco Mastrosanti lancia l’allarme





 

 

 

 

Frascati  (Roma) – Il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti dice basta, scende in campo per difendere la sanità dei Castelli Romani e lo fa con una nota pubblica, lanciando un vero grido di allarme, ma non solo:

“La domanda di sanità e buone cure nell’area dei Castelli Romani ha bisogno di risposte concrete non più procastinabili – dichiara il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. L’insufficienza di risorse per garantire investimenti presso gli ospedali di Frascati e Marino e il mancato reintegro delle risorse umane (oss, infermieri e medici), necessarie a mantenere standard accettabili dei servizi ai cittadini, mette a serio rischio di chiusura alcuni reparti”.
“La sanità tuscolana ha già pagato il suo contributo per il risanamento di quella regionale. Per questo motivo si impone ora il diretto coinvolgimento della Regione Lazio, affinché vengano reperite le risorse necessarie per mettere la ASL RM6 nelle condizioni di poter completare l’avvio del NOC, senza che questo comporti la chiusura di altri reparti o ospedali, che devono invece essere a loro volta potenziati”.
Il Sindaco Mastrosanti intende coinvolgere l’intera comunità in difesa dei presidi ospedalieri che sono stati sempre un modello di presa in carico delle necessità sanitarie e di un tempo importanti punti nascita dell’intera area dei Castelli Romani e annuncia persto una riunione straordinaria dei sindaci del territorio:
“Le Amministrazioni ed i cittadini devono far sentire la propria voce e per questo nei prossimi giorni si procederà a convocare formalmente una riunione straordinaria dei Sindaci del territorio con l’impegno di portare la vicenda sul tavolo regionale, per ricevere le necessarie risposte”.
SOSTIENICI, SEGUICI SUI SOCIAL. Per seguire gli aggiornamenti di FreedomPress.it
su Facebook cliccare QUI  mettendo Mi piace/Segui  o su Twitter cliccando QUI e selezionando Segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login