Natale senza stress… e con qualche kg in meno. Zenzero, cioccolato e frutta secca con il decalogo dell’endocrinologa





 

 

 

Con l’approssimarsi delle feste natalizie si avvicinano anche le immancabili abbuffate del periodo, unite allo stress legato alla ricerca del regalo perfetto e all’organizzazione di interminabili pranzi e cene in famiglia. Per vivere questo periodo in serenità, senza appesantire la linea, il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e la dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, autrice del libro “La dieta dei biotipi”, lanciano un apposito decalogo, in collaborazione con Consulcesi Club.




 

  1. QUALCHE PORTATA IN MENO FA BENE AL GIROVITA (E ALL’UMORE). Durante le feste mangiamo effettivamente troppo rispetto alle nostre reali esigenze; scegliamo, piuttosto, di dare più valore al cibo non eccedendo e non sprecandolo. Mangiare il giusto e prediligere la compagnia alle abbuffate, ci farà sentire meglio sia mentalmente che fisicamente.

 

  1. NO AL DIGIUNO PRE-ABBUFFATEInutile (e controproducente) digiunare prima delle abbuffate perché in tal modo il corpo avrà una voracità esagerata che farà accumulare tante scorte di grasso facendoci mangiare di più.

 

  1. ACQUA E LIMONE PER QUALCHE GOLOSITÀ IN PIÙ. Assaggiamo pure tutto ciò che ci aggrada e possiamo mangiare, senza abbuffarci con ogni portata e sorseggiando acqua e limone fra l’una e l’altra per favorire la digestione.

 

  1. LA CIOCCOLATA RISCALDA E FA DIMAGRIRE. Cioccolata e Natale, binomio indissolubile e persino salutare, soprattutto se scegliamo quella fondente e al peperoncino. Un quadratino per una pausa golosa ci scalderà ed attiverà il metabolismo grazie al cacao che aiuta a dimagrire.

 

  1. ZENZERO, LA SPEZIA NATALIZIA CHE FA BENE. Lo zenzero ha ottime proprietà digestive, aiuta a migliorare l’assorbimento dei cibi. Favorisce la perdita di peso e il miglioramento dei marker di invecchiamento e stress.

 

  1. STOP AI FALSI MITI SULLA FRUTTA SECCA. Mandorle, noci e nocciole sono immancabili protagoniste delle tavole imbandite per Natale, ma puntualmente vengono accusate di far ingrassare. La verità è che la frutta secca è ricca di sostanze nutrienti importanti, come vitamine, minerali, acidi grassi omega 3 e, se consumata nelle giuste quantità, aiuta a dimagrire perché dà un profondo senso di sazietà e di gratificazione del palato.

 

  1. NON DIMENTICARE LE PROTEINE. Anche durante le feste è importante continuare ad assumere la giusta quota proteica giornaliera, ad esempio iniziando la giornata con le uova strapazzate.

 

  1. SÌ AI BRINDISI MA CON MODERAZIONE. I tradizionali brindisi sono praticamente d’obbligo a Natale e Capodanno: l’importante è limitare le quantità di alcolici e ricordarsi di bere molta acqua, almeno due litri al giorno.

 

  1. MUOVERSI! ANCHE A NATALE. Per arginare le conseguenze degli stravizi festivi, è consigliabile fare almeno 15 minuti di attività fisica nei giorni in cui si mangerà di più

 

  1. CONTRO LO STRESS, DIRE DI NO. Per ridurre lo stress tipico delle vacanze, è importante limitare gli obblighi tipici del periodo. Per esempio, dire di no a feste a cui non si vuole partecipare, o ridurre le tradizioni familiari se si ha bisogno di relax e riposo. Meglio, per rilassarsi, stilare una lista di cose da fare che piacciono: meditare, fare yoga e, perché no, allenarsi.

 

La dottoressa Serena Missori è responsabile scientifica del corso FAD (Formazione a Distanza) del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione “Antistress: teoria e pratica”, in partnership con Consulcesi Club e in collaborazione con il dottor Alessandro Gelli, docente di Eziologia, Psicofisiologia e gestione dello Stress. Il corso fa parte della “Top 10” degli oltre 150 corsi del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, a cui di recente è stato assegnato dall’Annuario della Formazione in Sanità il primo posto della classifica “The Best Provider Ecm 2016” nella categoria “Formazione a Distanza FAD”.

 

“Antistress: teoria e pratica”, on line gratuitamente sul sito www.corsi-ecm-fad.it, è sviluppato in tre moduli didattici composti da video-lezioni e materiali di approfondimento. Un questionario finale accerta la comprensione dei contenuti e assegna 4 crediti ECM, utili a completare l’obbligo formativo per il triennio 2014-2016, in scadenza (dopo l’anno di proroga) il 31 dicembre 2017.

 

LA TOP TEN DEL PROVIDER ECM 2506 SANITÀ IN-FORMAZIONE

 

  1. BLSD – PBLSD e Manovre di disostruzione

 

  1. Acido o base? L’equilibrio vitale per l’uomo

 

  1. Disfagia

 

  1. Stress lavoro correlato nelle professioni sanitarie

 

  1. Abilità di counseling in ambito sanitario

 

  1. Ricostruzione mammaria post oncologia

 

  1. Antistress: teoria e pratica

 

  1. Filmtherapy: l’uso del mezzo filmico come strumento di insight

 

  1. La prova del danno alla salute, il ruolo della consulenza tecnica d’ufficio: cosa cambia dopo la legge Gelli

 

  1. Fondamenti di medicina tradizionale cinese – campi di applicazione

 

 

Potete continuare a seguirci su Facebook, digitando QUI e mettendo Mi piace alla Pagina FreedomPress


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login