domenica, 21 Luglio 2024

TIM alza il fuoco sotto una pentola a pressione. USB risponde: “Il re è nudo, milioni per Cattaneo, escano i soldi per i dipendenti”

di Mario Galli

Roma –  Dopo la manifestazione dei dipendenti TIM avvenuta a Roma lo scorso 25 febbraio 2017 si alza lo scontro sul terreno ormai vuoto di confronto tra vertici e la base dell’azienda che in questo momento non gode certo di grande popolarità anche al parlamento, dopo l’interrogazione che la deputata Roberta Lombardi (M5S) ha rivolto e letto al ministro Poletti lasciandolo senza parole.

Oggi USB Telecomunicazioni con un comunicato fa comprendere i termini dello scontro ormai intrapreso, definito come “Fuoco sotto ad una pentola  a pressione” che si acuisce proprio dopo la pubblicazione della notizia sulla intranet aziendale del salvifico ritiro di una delle multe dell’authority, che ha scatenato migliaia di commenti dei dipendenti che hanno dato, caso mai ce ne fosse bisogno, un’ulteriore dimostrazione ai vertici aziendali che i lavoratori di TIM non hanno alcuna intenzione di rassegnarsi al “nuovo corso” – per USB involutivo, di Cattaneo & Co.

“La pentola bolle e l’azienda, anziché tornare indietro sui propri passi, mette il coperchio: sono partiti centinaia di ‘colloqui’ individuali con i gestori HR, che rimproverano come bambini i lavoratori rei di aver detto che il re è nudo. Cosa dicevano di tanto scandaloso questi commenti nel circuito esclusivamente interno della intranet aziendale? Con diverse sfumature di toni e di linguaggio, il messaggio più o meno suonava ‘L’antitrust non ci ha comminato la multa? Ridateci allora i soldi del PDR!’. Cosa c’è di ‘off-topic’, di non congruente con la notizia, o di ‘tono non appropriato’ in queste affermazioni ? Se i soldi per Cattaneo e i suoi collaboratori ci sono, ci DEVONO essere prima di tutto per i dipendenti! Le intimidazioni aziendali non fermano e non fermeranno le mobilitazioni, che anzi sono sempre più partecipate. La manifestazione del 25 febbraio ne è stata una dimostrazione lampante. L’azienda può anche tenersi e felicitarsi dei pareri compiacenti, che pure ci sono, ma se la bacheca è aperta e disponibile ai commenti di tutti deve anche prevedere il rischio di opinioni diverse e opposte. Perché la democrazia non consente il reato di opinione e quando diventa a senso unico si trasforma nel suo opposto. Già ci basta e ci indigna il silenzio assordante degli italici mass media che negano l’esistenza della rumorosa opposizione di tanti lavoratori. La repressione non paga. Anzi, raddoppia le forze. E il muro sta crollando”.

USB TELECOMUNICAZIONI: “L’AZIENDA HA INTRAPRESO UNA GUERRA E APRE FRONTI REPRESSIVI SUI LAVORATORI”

Il clima che il Sindacato di base USB Telecomunicazioni fotografa parla di ondata di repressione sui lavoratori che sembrerebbero minacciati anche con provvedimenti disciplinari: “Paradossalmente questa ondata repressiva ci aiuta ad identificare meglio chi abbiamo dall’altra parte della barricata: un management egoista e spietato che vuole rubarci il futuro, il nostro futuro. L’azienda ci ha dichiarato guerra e ogni giorno apre un nuovo fronte regressivo che ci toglie diritti e salario. Ogni santo giorno, senza pause. Con i provvedimenti disciplinari per chi sgarra sulle ferie programmate, con minacce più o meno velate a coloro che si oppongono ai trasferimenti coatti verso altre funzioni o altre sedi distanti anche centinaia di chilometri, con un regolamento vessatorio e ridicolo che rende obbligatoria anche la timbratura del tempo di un caffè dai livelli 5 in giù perché c’è sempre qualcuno che deve essere anche simbolicamente più povero di qualcun altro, che elimina il mancato rientro ai tecnici, che toglie giorni di ferie e permessi, che sposta dalla sera alla mattina impiegati di concetto a occuparsi delle portinerie. E parecchio altro ancora.”

LAVORATOTI TOR PAGNOTTA, MINACCIATI DI ESSERE TRASFERITI SE AVESSERO CONTINUATO A SCIOPERARE?

USB Telecomunicazioni poi fa presente il caso Tor Pagnotta:L’ultima e più disperata minaccia è stata rivolta ai lavoratori del FOM di Torpagnotta minacciati di essere trasferiti se avessero continuato a scioperare. I lavoratori sanno bene che questo management non sembra interessato affatto a rilanciare l’azienda ma solo ad avere un realizzo a breve e, come diceva uno dei commenti incriminati, si comportano come il capitano del Titanic che rimprovera il maggiordomo per la divisa in disordine. L’azienda è dei lavoratori. Saranno i lavoratori a salvarla. Per questo non smetteremo mai di rivendicare la sua ri-nazionalizzazione”.

Per il momento resta la convinta risposta a non abbandonare la lotta espressa dalla grande manifestazione nazionale delle telecomunicazioni dello scorso 25 febbraio, con la quale i lavoratori e le lavoratrici TIM hanno dimostrato di non voler fare un passo indietro sulla propria ritrovata autodeterminazione. E qualcuno si innervosisce…e il fuoco sotto la pentola a pressione diventa preoccupante!

Hot this week

von der Leyen esulta. Incassa il suo secondo mandato nonostante la sentenza della Corte di Giustizia Europea

Neanche la votazione segreta ha sollevato problemi deontologici e politici sull'operato della von der Leyen?

Il caso “Villa di Cesare e Massenzio” in audizione in Regione Lazio: “I terreni privati questione da risolvere”

In Regione Lazio in audizione Alessandra Sabelli, sindaca del Comune di San Cesareo; Emanuela Fondi, Consigliera Comunale di San Cesareo con delega alla cultura

Oxford: “Scimpanzé selvatici si automedicano cercando piante specifiche terapeutiche”

L'Università di Oxford mostra come gli scimpanzé usano piante con proprietà medicinali per curare maòattie e ferite. I ricercatori sottolineano che le piante medicinali che crescono nella riserva Forestale Centrale di Budongo potrebbero favorire lo sviluppo di nuovi farmaci preziosi.

NEVE (SWE), ARPA Lombardia: “Stagione 2023-2024 notevolmente superiore alla media”

L'inverno 2024 è stata un’ottima stagione, caratterizzata da numerosi eventi che soprattutto in primavera hanno incrementato l’innevamento su tutti i settori alpini e prealpini lombardi.

Melatonina. Ricerca italiana trova la dose efficace contro l’insonnia

Melatonina, ricerca trova la dose efficace contro l'insonnia: "Quattro mg al giorno tre ore prima di coricarsi"

Topics

von der Leyen esulta. Incassa il suo secondo mandato nonostante la sentenza della Corte di Giustizia Europea

Neanche la votazione segreta ha sollevato problemi deontologici e politici sull'operato della von der Leyen?

Il caso “Villa di Cesare e Massenzio” in audizione in Regione Lazio: “I terreni privati questione da risolvere”

In Regione Lazio in audizione Alessandra Sabelli, sindaca del Comune di San Cesareo; Emanuela Fondi, Consigliera Comunale di San Cesareo con delega alla cultura

Oxford: “Scimpanzé selvatici si automedicano cercando piante specifiche terapeutiche”

L'Università di Oxford mostra come gli scimpanzé usano piante con proprietà medicinali per curare maòattie e ferite. I ricercatori sottolineano che le piante medicinali che crescono nella riserva Forestale Centrale di Budongo potrebbero favorire lo sviluppo di nuovi farmaci preziosi.

NEVE (SWE), ARPA Lombardia: “Stagione 2023-2024 notevolmente superiore alla media”

L'inverno 2024 è stata un’ottima stagione, caratterizzata da numerosi eventi che soprattutto in primavera hanno incrementato l’innevamento su tutti i settori alpini e prealpini lombardi.

Melatonina. Ricerca italiana trova la dose efficace contro l’insonnia

Melatonina, ricerca trova la dose efficace contro l'insonnia: "Quattro mg al giorno tre ore prima di coricarsi"

WikiLeaks: “Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza”

Concessa la libertà a Julian Assange. Julian Assange è libero. Ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno 2024 dopo avervi trascorso 1901 giorni

Polizia di Stato: “All’Olimpico nella notte un boato. Era Tamberi che volava a 2.37 metri”

La Polizia di Stato esulta: "C’è tutto Tamberi nella medaglia d’oro all'Olimpico, facendo registrare il record dei campionati e la migliore prestazione mondiale del 2024"

Puglia, obbligo vaccinazione HPV a studenti, il Garante Privacy: “Aperta istruttoria”

Il Consiglio Regionale Puglia subordina le iscrizioni a scuola fino alla università (25 anni) alla vaccinazione anti Papilloma virus. Possibile rifiutarsi, ma viene realizzata una schedatura dei dinieghi
spot_img

Related Articles

Popular Categories

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina