Effetto Aquarius. Bilancio UE, proposta pioggia di soldi per le sfide migratorie, mobilità e sicurezza





 

 

di Cinzia Marchegiani

 

Bruxelles, 12 giugno 2018 – L’UE risponde all’ “Effetto Aquarius”. Dopo il caso della nave Aquarius in acque maltesi gestita da SOS MEDITERRANEE e le tensioni tra Francia e Italia innescate per l’uscita poco diplomatica e di malcelato disprezzo da parte del premer francese Macron verso l’Italia sulla gestione dei migranti ecco che arriva una proposta dalla Commissione europea per il prossimo bilancio UE a lungo termine 2021-2027,  e cioè triplicare i finanziamenti per la gestione delle migrazioni e delle frontiere a 34,9 miliardi di euro rispetto ai 13 miliardi di euro del periodo precedente.

PIOGGIA DI SOLDI PER GESTIRE LE SFIDE MIGRATORIE, MOBILITA’ E SICUREZZA

La proposta della Commissione è una risposta alle crescenti sfide migratorie, di mobilità e di sicurezza, con strumenti di finanziamento più flessibili per affrontare eventi migratori imprevisti e la protezione delle frontiere al centro del nuovo bilancio. Sarà creato un nuovo fondo separato per la gestione integrata delle frontiere e l’Agenzia europea di guardia costiera e di frontiera sarà ulteriormente rafforzata con un nuovo corpo permanente di circa 10.000 guardie di frontiera.

Il nuovo fondo di frontiera aiuterà inoltre gli Stati membri a effettuare controlli doganali finanziando le attrezzature di controllo doganale.

Il primo vicepresidente Frans Timmermans ha dichiarato: “Sulla base dell’esperienza passata e della consapevolezza che la migrazione rimarrà una sfida per il futuro, stiamo proponendo un aumento senza precedenti dei finanziamenti rafforzando i nostri confini comuni dell’UE, in particolare con la nostra Guardia costiera e di frontiera europea continuerà ad essere una grande priorità: una maggiore flessibilità dei nostri strumenti di finanziamento significa che siamo pronti a sostenere rapidamente gli Stati membri, laddove ne hanno bisogno, quando ne hanno bisogno, in particolare in caso di crisi”.

Dimitris Avramopoulos , commissario per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato:“Una migliore gestione delle frontiere esterne e della migrazione resterà una priorità chiave per l’UE, gli Stati membri e i nostri cittadini negli anni a venire. Proponiamo di quasi triplicare il bilancio in questo settore: il finanziamento rafforzato sarà fondamentale per garantire l’attuazione di queste priorità politiche: rafforzare ulteriormente le nostre frontiere esterne, continuare a garantire protezione a coloro che ne hanno bisogno, sostenere meglio la migrazione legale e gli sforzi di integrazione , contrastare la migrazione irregolare e restituire efficacemente e rapidamente coloro che non hanno il diritto di rimanere“.

Il commissario per gli affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, Pierre Moscovici ha dichiarato:I 115.000 funzionari doganali dell’UE sono in prima linea nel proteggere i nostri cittadini da merci contraffatte o non sicure e da altre forme di commercio illecito. Oggi propongono un nuovo fondo del valore di 1,3 miliardi di euro, affinché i paesi dell’UE acquisiscano le attrezzature doganali più all’avanguardia: l’unione doganale dell’UE celebra il suo 50 ° anniversario il prossimo mese: dobbiamo fare in modo che continui a rafforzarsi”.

Durante la crisi dei rifugiati del 2015 e del 2016, il sostegno finanziario e tecnico che l’UE ha fornito agli Stati membri è stato fondamentale per sostenere gli Stati membri sotto pressione, sviluppare capacità di ricerca e soccorso, intensificare i rimpatri e gestire meglio le frontiere esterne. Apprendendo le lezioni del passato, la Commissione propone quasi il triplo finanziamento per le aree cruciali della migrazione e della gestione delle frontiere.

1. Garantire le frontiere esterne dell’UE

L’efficace protezione delle frontiere esterne dell’UE è fondamentale per gestire la migrazione e garantire la sicurezza interna. Le forti frontiere esterne sono anche ciò che consente all’UE di mantenere uno spazio Schengen senza controlli alle frontiere interne. La Commissione propone di assegnare complessivamente 21,3 miliardi di euro alla gestione delle frontiere e creare un nuovo fondo per la gestione integrata delle frontiere (IBMF) per un valore superiore a 9,3 miliardi di euro .

Le caratteristiche principali del nuovo fondo sono:

– Il giusto insieme di priorità:

  • Rafforzare le frontiere esterne dell’Europa: il nuovo fondo continuerà e si baserà sui lavori degli anni passati per proteggere meglio le frontiere dell’UE con il lancio della Guardia costiera e di frontiera europea, controlli sistematici alle frontiere, nuovi su vasta scala e interoperabilità Sistemi IT, compreso un futuro sistema di ingresso / uscita. I finanziamenti saranno destinati a contrastare il traffico di migranti e la tratta di esseri umani nonché a intercettare e fermare coloro che rappresentano una minaccia, il sostegno alla ricerca e soccorso in mare, attrezzature e formazione per le guardie di frontiera e un rapido sostegno operativo agli Stati membri sotto pressione;
  • Politica dei visti più forte ed efficiente : il fondo garantirà inoltre che la politica dell’UE in materia di visti continui a evolversi e modernizzarsi, rafforzando nel contempo la sicurezza e attenuando i rischi di migrazione irregolare;

– Sostegno agli Stati membri: il nuovo fondo destinerà 4,8 miliardi di euro a finanziamenti a lungo termine a sostegno delle misure di gestione delle frontiere degli Stati membri e della politica in materia di visti. Il finanziamento rifletterà in modo acuto le esigenze degli Stati membri e una revisione a medio termine terrà conto di pressioni nuove o aggiuntive. Ciascuno Stato membro riceverà una somma fissa di 5 milioni di EUR e il resto distribuito in base al carico di lavoro, alla pressione e al livello di minaccia alle frontiere terrestri esterne (30%), alle frontiere marittime esterne (35%), agli aeroporti (20%) e agli uffici consolari (15%);

– Una risposta flessibile e rapida : 3,2 miliardi di euro saranno destinati al sostegno mirato agli Stati membri, ai progetti a livello di UE e per far fronte a bisogni urgenti. Il nuovo fondo è stato concepito per garantire una flessibilità sufficiente a convogliare i finanziamenti di emergenza agli Stati membri quando necessario e ad affrontare nuove e critiche priorità man mano che emergono;

– Migliori attrezzature di controllo doganale alle frontiere esterne: il nuovo strumento destinerà 1,3 miliardi di euro per aiutare gli Stati membri ad acquistare, mantenere e sostituire attrezzature doganali all’avanguardia come nuovi scanner, sistemi automatizzati di rilevamento di targhe, squadre di cani da fiuto e laboratori mobili per analisi di campioni;

– Rafforzamento delle agenzie di gestione delle frontiere dell’UE: al di fuori di questo fondo e da presentare separatamente, saranno stanziati oltre 12 miliardi di euro per rafforzare ulteriormente l’Agenzia europea di guardia costiera e di frontiera e EU-LISA.

2. Migrazione: sostenere una politica solida, realistica ed equa

La Commissione propone di aumentare i finanziamenti per l’immigrazione del 51% fino a raggiungere 10,4 miliardi di euronell’ambito del rinnovo del Fondo Asilo e migrazione (AMF) . Il Fondo sosterrà gli sforzi degli Stati membri in tre settori chiave: asilo, migrazione legale e integrazione e lotta alla migrazione e ai rimpatri irregolari. Le caratteristiche principali del nuovo fondo sono:

– Il giusto insieme di priorità: il nuovo fondo continuerà il suo vitale sostegno ai sistemi nazionali di asilo e porrà una rinnovata attenzione per convogliare i finanziamenti dell’UE alle questioni più urgenti, come ad esempio:

  • Un sistema europeo di asilo più forte ed efficiente : il fondo contribuirà a rafforzare e sviluppare tutti gli aspetti del sistema europeo comune di asilo, compresa la sua dimensione esterna;
  • Maggiore sostegno alla migrazione e all’integrazione legale : il fondo destinerà risorse aggiuntive a sostegno dell’integrazione tempestiva di cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente nell’UE a breve termine, integrata da finanziamenti nell’ambito dei fondi di coesione per l’integrazione socioeconomica a più lungo termine ;
  • Ritorni più rapidi e più frequenti : il fondo sosterrà un approccio più coordinato per contrastare la migrazione irregolare, migliorare l’efficacia dei rimpatri e intensificare ulteriormente la cooperazione con i paesi terzi in materia di riammissione;

– Sostegno agli Stati membri: il fondo destinerà 6,3 miliardi di euro a finanziamenti a lungo termine per sostenere gli Stati membri nella gestione della migrazione, rispecchiando le esigenze degli Stati membri. Una revisione a medio termine terrà conto di pressioni nuove o aggiuntive. Ciascuno Stato membro riceverà una somma fissa di 5 milioni di euro e il resto sarà ripartito sulla base di una valutazione delle pressioni affrontate e tenendo conto delle proporzioni nel settore dell’asilo (30%), migrazione legale e integrazione (30%) e contrastando le irregolarità migrazione e ritorno (40%);




– migliore preparazione : saranno riservati 4,2 miliardi di EUR per il sostegno mirato agli Stati membri, progetti con un reale valore aggiunto europeo come il reinsediamento o per rispondere a bisogni urgenti e incanalare i finanziamenti di emergenza agli Stati membri quando e dove ne hanno bisogno;

– Maggiore coordinamento tra gli strumenti di finanziamento dell’UE : il fondo per l’asilo e la migrazione sarà integrato dai fondi aggiuntivi dedicati nell’ambito degli strumenti della politica esterna dell’UE per rafforzare la cooperazione in materia di migrazione con i paesi partner, compresi gli sforzi per contrastare la migrazione irregolare, migliorare le opportunità nei paesi di origine migliorare la cooperazione in materia di rimpatrio, riammissione e migrazione legale;

– Rafforzare le agenzie dell’UE: al di fuori di questo fondo e da presentare separatamente, quasi 900 milioni di euro saranno destinati a rafforzare ulteriormente la nuova Agenzia dell’Unione europea per l’asilo .

Prossimi passi

Un rapido accordo sul bilancio generale a lungo termine dell’UE e le sue proposte settoriali è essenziale per garantire che i fondi dell’UE inizino a fornire risultati sul campo quanto prima.

I ritardi potrebbero mettere a repentaglio la capacità dell’Unione europea di rispondere a crisi future qualora si presentassero e potrebbero far morire di fame i progetti di fondi vitali – come i programmi di rimpatrio volontario assistito e di riammissione a livello UE e il proseguimento dei finanziamenti UE per il reinsediamento.

Un accordo sul prossimo bilancio a lungo termine nel 2019 fornirebbe una transizione senza soluzione di continuità tra l’attuale bilancio a lungo termine (2014-2020) e quello nuovo, e garantirebbe prevedibilità e continuità dei finanziamenti a vantaggio di tutti.

SFONDO. La gestione delle frontiere e la migrazione sono state una priorità politica sin dall’inizio del mandato della Commissione Juncker, dagli orientamenti politici del presidente Juncker del luglio 2014 all’ultimo indirizzo dello Stato dell’Unione il 13 settembre 2017. 

Tuttavia, la portata e l’urgenza della crisi dei rifugiati del 2015-16 hanno colto di sorpresa l’Europa. Per evitare una crisi umanitaria e consentire una risposta congiunta a questa sfida senza precedenti e alle nuove minacce alla sicurezza, l’UE ha utilizzato tutta la flessibilità del bilancio esistente per mobilitare fondi aggiuntivi. Dalle allocazioni originarie per il periodo 2014-2020 di 6,9 miliardi di euro per i fondi AMIF e ISF (Borders and Police), sono stati mobilitati altri 3,9 miliardi di euro per raggiungere 10,8 miliardi di euro per la migrazione, la gestione delle frontiere e la sicurezza interna – e nemmeno questo includere la grande quantità di finanziamenti mobilitati per affrontare la crisi dei rifugiati al di fuori dell’UE.

Apprendendo le lezioni del passato, la Commissione sta ora proponendo di raddoppiare i finanziamenti su tutta la linea, con 10,4 miliardi di euro per la migrazione, 9,3 miliardi di euro per la gestione delle frontiere, 2,5 miliardi per la sicurezza interna e 1,2 miliardi per la disattivazione più sicura delle attività nucleari in alcuni Stati membri – raggiungendo oltre 23 miliardi di euro complessivi.

Inoltre, il sostegno alle agenzie dell’UE in materia di sicurezza, gestione delle frontiere e migrazione aumenterà da 4,2 a 14 miliardi di euro.

Caso Aquarius. Quelle stranezze e quei veli di ipocrisia. Chapeau!

Malta in shock. Brutale assassinio della giornalista Daphne Caruana Galizia titolare dell’inchiesta internazionale Maltafiles

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login