Fiumicino chiude Ponte della Scafa. Sindaco Montino: “Ho avuto modo di constatare alcuni visibili deterioramenti di parti della struttura”





 

 

di Cinzia Marchegiani

Fiumicino (Roma) – La sindrome ponte in condizioni pericolose sembra abbia attivato da parte delle amministrazioni controlli ferrei dopo la strage di Genova…
ERA ORA!
Il Ponte della Scafa è stato interdetto al traffico. A comunicarlo è il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, con un comunicato ufficiale:

Dopo il tavolo tecnico di questa mattina convocato da Astral Spa sulla vicenda che riguarda la chiusura del Ponte della Scafa, l’Amministratore unico Antonio Mallamo ha reso noto quanto segue:

“Ho provveduto io stesso nella giornata di oggi a recarmi più volte sul Ponte della Scafa interdetto al traffico – spiega il sindaco di Fiumicino Esterino Montino. – Ho avuto modo di constatare alcuni visibili deterioramenti di parti della struttura. Rimaniamo in attesa che Astral nelle prossime ore effettui ulteriori controlli per capire se esista la possibilità di riaprire la viabilità sul ponte, anche solo pedonale, combinandola con un sistema di navette”.




“Prendiamo atto che Astral ha già inviato una ditta specializzata e i propri tecnici per valutare gli interventi che rendano accessibile il ponte, come dichiarato dall’amministratore Mallamo”, conclude Montino.

Roma Capitale invece sta facendo lavori di sicurezza e segnaletica sul Viadotto della Magliana mentre uno studio sullo stato del Ponte della Magliana alla fine dello scorso anno la stessa amministrazione aveva commissionato un’analisi sullo stato delle strutture ad uno studio di ingegneria il cui responsabile tecnico-scientifico, nonché autore dello studio, è l’ingegnere Franco Braga, professore dell’Università Sapienza di Roma, che ha concluso indicando alcuni interventi prioritari da eseguire a seguito anche di sopralluoghi effettuati a febbraio.

Roma Capitale, Viadotto Magliana: “Lavori sicurezza e segnaletica. Commissionato studio sullo stato strutture”

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login