UE, il bambino violato. Le falle della giustizia nei confronti dei piccoli testimoni nei processi






 

UE – Un dossier appena pubblicato pone importanti interrogativi, ma soprattutto indica una strada in cui il sistema giustizia si deve muovere e alla svelta affinché i piccoli testimoni ricevano le tutele adeguate per affrontare momenti di grande stress che condizioneranno per sempre la loro vita.

Circa 2,5 milioni di bambini sono coinvolti in procedimenti giudiziari in tutta l’Unione Europea (UE), ogni anno. Figli colpiti dal divorzio dei genitori o come vittime  o testimoni di reati criminali. Anche se la loro effettiva partecipazione in tali procedimenti è di vitale importanza per migliorare il funzionamento della giustizia, il trattamento dei bambini in sistemi di giustizia rimane una preoccupazione.




I bambini coinvolti in procedimenti giudiziari spesso si sentono spaventati, ignorati, e male informati, come un nuovo rapporto dell’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA). Chiedendo i bambini tra i diversi Stati membri dell’UE circa le loro esperienze e punti di vista, questo rapporto innovativo dimostra quanta strada occorra ancora percorrere per rendere i nostri sistemi di giustizia a misura di bambino.

“Stiamo mettendo i bambini che hanno già sperimentato o testimoniato cose dolorose in una situazione inutilmente stressante. Entrambi i responsabili politici e gli operatori devono garantire che le ansie dei bambini coinvolti in procedimenti giudiziari siano prese sul serio e ridotti al minimo “, dice Michael O’Flaherty direttore di European Union Agency for Fundamental Rights (FRA). “Questo rapporto fornisce indicazioni chiare su mezzi con cui gli Stati membri possono garantire che le voci dei bambini siano davvero ascoltate e allo stesso tempo possano sentirsi sicuri e protetti.

Circa 2,5 milioni di bambini in tutta l’UE sono coinvolti ogni anno come vittime, testimoni o parti di procedimenti giudiziari. Questi possono essere battaglie di custodia nell’ambito di un procedimento di divorzio o casi di abuso o sfruttamento sessuale.

La relazione Adatto ai bambini giustizia: prospettive ed esperienze di bambini coinvolti in procedimenti giudiziari si basa su interviste con 392 bambini. E sia individua le barriere bambini devono affrontare e le possibili soluzioni, così come una serie di pratiche promettenti già in uso negli Stati membri dell’UE.

I bambini hanno sottolineato l’importanza del loro diritto di essere ascoltati con comprensione e rispetto. Ciò sottolinea la necessità di linee guida chiare e pratiche, nonché la formazione per tutti i professionisti che entrano in contatto con i bambini. I bambini vogliono anche essere tenuto informati per tutta la procedura spesso lunghe circa gli sviluppi del caso e circa i propri diritti. Ciò dimostra la necessità di fornire informazioni appropriate all’età, prima, durante e dopo il processo.

Era chiaro dalle interviste che tante situazioni causano ai bambini incertezza e senso del pericoloso. Qui è fondamentale garantire che gli Stati membri abbiano garanzie procedurali in atto che si rivolgono ai bisogni dei bambini, in casi estremi, come quelli che riguardano la violenza domestica o di abusi sessuali, ma anche nei molti casi di affidamento in tutta l’UE. Tali garanzie possono includere collegamenti video o prove pre-registrati, nonché i dati personali a tutela dei minori da parte dei media e del pubblico.

I risultati sono basati su interviste con i bambini in 9 Stati membri: Bulgaria, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Polonia, Romania, Spagna e Regno Unito.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login