UE, Fusione Bayer-Monsanto. Rivasi e Bove supercritici: “Coloro che ci avvelenano ci venderanno anche le loro medicine per guarirci”





 

 

di Cinzia Marchegiani

 

Il 21 marzo 2018 la Commissione europea ha approvato l’acquisizione condizionato della Monsanto da parte di Bayer.

 “La ricezione dell’approvazione della Commissione europea rappresenta un importante successo e una pietra miliare significativa“, ha affermato il CEO di Bayer Werner Baumann.

Insieme a Monsanto, vogliamo aiutare gli agricoltori di tutto il mondo a coltivare alimenti più nutrienti in modo più sostenibile, a vantaggio sia dei consumatori che dell’ambiente.”

Bayer ha ora ricevuto le approvazioni per la transazione da oltre la metà delle circa 30 autorità normative, compresi quelli in Brasile e in Cina.

Le condizioni coprono in particolare la cessione di alcune attività di Bayer, comprese le attività globali di sementi colturali come canola, cotone e soia (con piccole eccezioni limitate alla regione asiatica), la piattaforma R & S per il grano ibrido, il business globale dei semi di ortaggi , il commercio globale di glufosinato di ammonio e alcuni erbicidi a base di glifosato in Europa, prevalentemente per uso industriale. Inoltre, le attività globali della Monsanto con il nematoclista NemaStrike devono essere cedute.Le condizioni prevedono anche il trasferimento di tre progetti di ricerca Bayer nel settore degli erbicidi non selettivi e la concessione di una licenza al portafoglio agricolo digitale di Bayer.BASF è l’acquirente previsto di queste attività.

La transazione rimane soggetta alle consuete condizioni di chiusura, inclusa la ricezione delle approvazioni normative richieste. Bayer e Monsanto stanno lavorando a stretto contatto con le autorità – incluso il Dipartimento di giustizia negli Stati Uniti – con l’obiettivo di chiudere la transazione nel secondo trimestre del 2018. 

La Bayer acquisterà la Monsanto. A settembre 2016, il gigante chimico tedesco Bayer ha annunciato l’intenzione di acquistare Monsanto, il produttore di Roundup (un erbicida contenente glifosato) e l’unica pianta geneticamente modificata autorizzata a crescere nell’UE (mais Mon 810) . Se la Direzione generale della concorrenza della Commissione europea ha rilevato nelle sue osservazioni preliminari, nell’agosto 2017, un elenco impressionante di rischi e problemi relativi a questa operazione, la Commissione, la cui approvazione preventiva è obbligatoria per questo tipo di operazione, ha appena dato la sua luce verde su questo acquisto.




 

Contro questa decisione supercritiche sono le posizioni Michéle Rivasi e José Bove:

Reazione di Michèle RIVASI, membro della commissione ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare e Commissione speciale sulle procedure di autorizzazione dei pesticidi:

” Concentrazione di diversi mercati, controllo definitivo degli agricoltori intrappolati tra prezzi non remunerativi e aumento dei costi dei fattori di produzione agricoli, riduzione della diversità delle sementi, dipendenza dagli input e biotecnologie della protezione delle piante, concentrazione finanziaria dei grandi fondi di investimento presente nella capitale delle due società e la manovra nella fusione, possibile cancellazione della responsabilità legale della Monsanto sotto il colpo di diverse attività legali …

Come molte ragioni che la Commissione europea avrebbe potuto invocare per opporsi a questa acquisizione, ma chiaramente non sono state sufficienti per affrontare questi due giganti della massiccia distruzione dell’ambiente e della salute”.

 

Reazione del membro José BOVE della Commissione per l’agricoltura del Parlamento europeo:

“Questa fusione è tanto più cinica e amara che, con l’acquisizione di Monsanto, Bayer diventerà contemporaneamente il maggiore attore europeo nel settore dell’agricoltura e dei prodotti farmaceutici.

 La Commissione europea quindi impegna gli europei, come del resto il resto del mondo, in un mondo quasi orwelliano: dalla culla alla tomba, coloro che ci avvelenano ci venderanno anche le loro medicine per guarirci. 

Per seguire gli aggiornamenti potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo mi piace  o Twitter cliccando QUI e mettendo segui


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login